Isterosalpingografia: i radiologi Quarta Colosso al servizio della fertilità

HSG

Non lasciatevi spaventare dal nome: l’isterosalpingografia (ISG) è un’indagine radiologica ormai largamente utilizzata nello studio della fertilità femminile.

 

Numerose indagini hanno confermato l’aumento di problemi nel concepimento in Italia: secondo dati recenti del Ministero della Salute, una coppia su 5 ha difficoltà a procreare per vie naturali.

In crescita anche i casi di infertilità femminile: una delle cause più comuni è legata alla riduzione delle funzioni, o ad una completa chiusura, delle tube di Falloppio: una pregressa infiammazione, o le conseguenze di un intervento chirurgico, possono causare l’ostruzione di un tratto determinante per la fecondazione ovarica.

 

Durante l’isterosalpingografia il radiologo, attraverso un apposito catetere, inietta un mezzo di contrasto all’interno della cavità uterina, risalendo proprio fino alle tube, o riscontrando l’eventuale ostruzione parziale o totale, che impedisce al liquido di contrasto di raggiungere il cavo peritoneale. In circa 15 minuti, l’esame permette anche di studiare la morfologia dell’utero, individuando eventuali rischi per lo sviluppo completo del feto.

 

Importanti sono le tempistiche: l’esame va eseguito in fase follicolare, ossia tra l’8° e il 13° giorno dall’ultima mestruazione, assicurandosi preventivamente che la paziente non sia incinta. L’isterosalpingografia non lascia strascichi, se non un leggero fastidio assimilabile ai dolori premestruali, che tende comunque a scomparire dopo poco tempo. 

 

Un’indagine delicata, dunque, che nei centri Quarta Colosso viene eseguita da personale altamente specializzato, in grado di guidare la paziente passaggio dopo passaggio.  Per richiedere maggiori informazioni o prenotare un esame, potete contattare lo Studio Radiologico “Quarta Colosso” tramite telefonoe-mailWhatsapp o Messenger.

RM di nuova generazione